Una strada con diverse persone appartenenti a più dimensione di diversità, con la scritta sul fondo Siamo tutti  benvenuti e sotto tre pugni chiusi di diversi colori: marrone scuro, beige, e marroncino più chiaro.

Diversità e inclusione non si celebrano un giorno o un mese ma vanno coltivate tutto l’anno.

In questo articolo ti dirò come fare per dare valore alla diversità e all’inclusione tutto l’anno,  onorando avvenimenti come il Pride Month, la Giornata internazionali della donna, la giornata contro il razzismo, non solo con il classico post. 

Parole d’ordine 

Per festeggiare  gli eventi legati alla diversità ci vuole autenticità, impegno e un anno. Che l’evento sia lungo un giorno o un mese non cambia va coltivata tutto l’anno.

Come? Se ti stai affacciando ora alla diversità come valorizzazione e supporto ai gruppi di persone minorizzate e oppresse dal sistema, dovrai decidere quanto importante per te e la tua attività sia celebrarla. Qui arriva la parte che potrebbe essere più difficile: scegli. Si hai letto bene, devi scegliere chi vuoi includere, a quale diversità vuoi dedicarti o in che modo vuoi essere intersezionale. Perché ti dico di scegliere? Se si parla dal punto di vista lavorativo,  potresti non poter essere inclusivә a livello pratico con tuttә, ma sicuramente puoi essere di supporto. A livello personale, invece, a volte conviene scegliere da dove si vuole iniziare e poi espandersi ad altre diversità e rendersi conto di quanto siano intersezionali.  Se pensi di voler iniziare da tutte le dimensioni sarà molto più difficile. 

Cosa intendo quando parlo di diversità e inclusione

La diversità come termine generale indica una caratteristica che non è uguale a un altra. In questo frangente specifico la condizione di una persona considerata “non conforme” a una presunta normalità, razza, orientamento sessuale, identità di genere, abilità, religione.

La diversità è la rappresentazione delle caratteristiche che contraddistinguono le nostre identità e differenze, in quanto valore e ricchezza.

Quando si parla di pratiche D&I s’intende individuare chi, quale dimensione si vuole prendere in considerazione, far entrare nei processi di marketing e comunicazione. L’inclusione risponde al come si vuole renderle partecipe.

Esistono più dimensioni della diversità, e sono: 

Ti ricordi quando poco fa ti ho detto di scegliere? Ti renderai conto di come molte di queste dimensioni, siano interconnesse, quindi la scelta che fai non esclude automaticamente le altre, anzi, ti permette di diventare più consapevole dei legami che ci possono essere tra loro. Anche questo è un processo, ma te ne parlerò in un altro articolo. 

Come celebrare gli eventi legati alla diversità

Attualmente quando è il giorno o il periodo di una determinata celebrazione si prepara il post apposito, a volte si inizia una settimana prima a postare qualche cosa sull’argomento, per cercare di sensibilizzare o portare l’attenzione su quella determinata festività. Ciò che non viene fatto è chiedersi:

  1. I miei valori, quelli del mio business, sono coerenti con la celebrazione che voglio onorare?
  2. Cosa faccio per dare supporto a questa celebrazione e alle persone durante tutto l’anno?
  3. Cosa mi aspetto che possa cambiare, sensibilizzare, informare con un solo post?

Se non hai una risposta ben precisa a queste domande quello che stai facendo segue un idea di massa, oppure potresti credere che le persone, possano pensare che non ti interessa di certe tematiche e che non sei sensibile alla diversità. 

Potrebbe anche darsi, ma ti invito a rileggere le 3 domande e pensare che la costruzione di una sensibilità e interesse a certe tematiche non si risolve con un post ma come ho detto in modo continuativo. 

Se non c’è una volontà duratura e autenticità stai solo sfruttando il momento, e commercializzando la celebrazione con l’unico scopo di aumentare i profitti. Per le persone che vengono ignorate tutto l’anno è una bieca illusione oltre che una beffa bella e buona. 

Il contenuto non è l’unica chiave. 

Creare contenuti sempre diversi, è la difficoltà a cui la maggior parte delle persone vanno incontro. Quando si crea il calendario editoriale per dare completezza solitamente ci si aiuta con la celebrazione di un “avvenimento speciale”.  Negli anni si è passati da festeggiare Natale, Capodanno, carnevale, Pasqua, Halloween, festa della Repubblica e altre, a dare importanza a onorare eventi come la giornata della terra, la giornata contro la mafia, il Pride Month, Black History Month, la giornata contro il razzismo, e altre ancora. Perché non funziona, e non è corretto,  creare un contenuto solo in quella determinata occasione, e non pensare in modo più inclusivo?

Innanzitutto bisogna considerare che c’è una netta differenza tra celebrare feste come il Natale e quella della Festa della donna, nel senso che feste come quest’ultima, celebrano qualcosa di più impattante sulla società. Hanno a che fare con movimenti di giustizia sociale, attraverso cui si vuole sensibilizzare su importanti  tematiche, che nella società costituiscono delle problematiche, dando vita a vere e proprie discriminazioni. Un altro motivo e non pensare a decostruire quel sistema di normalità dato da ciò che detta la cultura bianco centrica, cioè basata su standard della società bianca, patriarcale e abilista. Perché non pensare quindi che il Natale si festeggia in modi diversi per altre religioni e culture, che esistono altri momenti per Natale, Capodanno a seconda della cultura?

Buone pratiche

Come si può celebrare gli eventi legati alla diversità e all’inclusione, e  supportare in modo autentico feste come il Pride Month, o la giornata contro il razzismo?

Impegnandosi ogni giorno a supportare queste lotte e inserire in agenda azioni concrete. 

Ecco come:

Ciò che ti si chiede è di essere una persona autentica e concreta e non sfruttare un movimento per semplici scopi di comunicazione o per avere più visibilità e dimostrare che si tiene a certi argomenti tutto l’anno.

In queste storie vi faccio un esempio parlando degli Adesivi

Crea contenuti che parlino a una comunità diversificata. Espandi il calendario delle festività del tuo biz

Anche le piccole accortezze significano molto per i gruppi minorizzati, e possono fare la differenza. 

Sei uno small business o una PMI? Controlla il calendario delle festività della tua azienda. Oltre alle festività cristiane, assicurati d’includere le festività che rappresentano le credenze religiose delle persone che lavorano per e nella tua azienda.

Se non è possibile rendere queste festività aziendali, annotale  sul calendario per aumentare la consapevolezza, il senso di riconoscimento e di appartenenza per i praticanti.

Conclusione

Come vedi autenticità, impegno e un anno sono le parole d’ordine giuste per celebrare gli eventi legati alla diversità. Questo lavoro però non lo devi fare in totale autonomia è importante essere guidati in questo percorso. Ma se ti chiedi come puoi iniziare io ho la soluzione per te una call di conoscenza gratuita, in cui mi racconti chi sei, di cosa ti occupi e di come vorresti implementare la diversità e l’inclusione nella tua attività e nella tua vita.

In più se non lo hai ancora fatto puoi fare il mio mini corso gratuito sul marketing inclusivo.

.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.